Il Balsamico protagonista tra i giovani in Germania e USA: una scelta sana e naturale

forchette

Secondo un recente studio del Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP, che ha coinvolto consumatori abituali in Germania e in USA, il profilo del consumatore di Aceto Balsamico di Modena IGP risulta ben definito.

Gli intervistati, con età media compresa tra 25 e 55 anni, sono risultate persone con caratteristiche comuni: sono curiose nel campo dell’alimentazione, educate al gusto e ai sapori più particolari, non rinunciano a sapore e ricercatezza anche nelle occasioni più veloci ( i pranzi al lavoro, il cibo on the go) o «privative» (le insalate, il piatto di verdure «depurativo» ad esempio) e sono esperte ed abili in cucina, o perlomeno considerate tali da amici e familiari.

Sono inoltre persone che amano sperimentare, imparando nuove ricette e modificandole a loro piacimento e che si confrontano con tradizioni culinarie diverse dalla propria. Dallo stile di vita raccontato dagli intervistati, è possibile quindi ricostruire alcuni percorsi e scelte comuni, come l’attenzione ad una alimentazione sana e il più possibile varia e la scelta di alimenti freschi e meno calorici (è impossibile «mangiar sano» se al contempo non si «mangia bene»).

La maggioranza degli intervistati ha anche sottolineato l’importanza di preparare e scegliere i cibi gustosi ma in un modo più sano grazie all’uso di spezie e condimenti (in primis l’Aceto Balsamico), cotture che esaltano i sapori, e all’abbinamento di ingredienti con particolari caratteristiche. Le diverse tendenze sono comunque in accordo con la più generale attenzione alla provenienza e alla qualità degli alimenti, quindi alla preferenza di prodotti “a filiera corta” o chilometro zero, e certificati biologici. L’immaginario spontaneamente associato all’Aceto Balsamico di Modena IGP si è rivelato legato a un’immagine un po’ stereotipica della campagna e della provincia italiana ed a un ideale di «ben vivere» associato alle vacanze e ai paesi Mediterranei. Il risultato di questo interessante studio è dunque un ulteriore stimolo per Aceto Balsamico del Duca nel continuare a proporre un balsamico di qualità, ottenuto da materie prime certificate italiane, talvolta squisitamente locali – come Solo Modena – e biologiche.

La passione e l’esperienza che pone in ogni fase della produzione, contraddistinguono poi la famiglia Grosoli e le permettono di proporre sempre un Aceto Balsamico di Modena IGP “Al Vertice del Sapore”.